Nel presente sito si fa uso di cookie, anche di terze parti, che consentono di inviare servizi in linea con le tue preferenze e quindi raccogliere informazioni sull'uso del sito da parte dei visitatori. Se vuoi saperne di più o negare il consenso ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
CHIUDI
 

itinerario n. 105 - Tutti in festa coi Matòci, gli Arlechini e i Paiaci


Questo è un matocio, anche detto barba, una delle maschere del carnevale della Valfloriana. Sul vestito nero ha cuciti nastri colorati e pizzi, in testa porta un cappello ricoperto da fiori e piume, ma è il viso nascosto dalla facèra, la maschera di legno simile a quella indossata nel carnevale della vicina Val di Fassa ad attirare l’attenzione. Se poi ascoltate la sua voce che esce da sotto la maschera, sentirete che è davvero strana, matta com’è matto tutto il carnevale! Dopo i matoci, che annunciano il loro passaggio nella mascherata con i grossi campanacci legati in vita, ci sono gli arlecchini, che con grazia volteggiano al suono dei sonadori di fisarmoniche