Nel presente sito si fa uso di cookie, anche di terze parti, che consentono di inviare servizi in linea con le tue preferenze e quindi raccogliere informazioni sull'uso del sito da parte dei visitatori. Se vuoi saperne di più o negare il consenso ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
CHIUDI
 

Itinerario 51 - Le pitture rupestri alle Cave del Bòl


Il legno è sempre stato un elemento fondamentale nell’economia delle valli trentine e in particolare di Fiemme e Fassa. Le sculture in legno – dalle grandi statue a soggetto sacro agli animali-giocattolo o addirittura ai segnalibro – venivano lavorati “in serie”, ovvero ogni famiglia si specializzava in una fase della lavorazione (sgrossatura, rifinitura, coloritura…) portando così l’oggetto a forti stilizzazioni distintive delle singole produzioni.
Anche a  Ziano di Fiemme, paese che occupa la piana alluvionale sulla destra dell’Avisio, è fiorente l’artigianato del legno, come confermano i numerosi negozi lungo la via principale. Qui è vivace anche l’industria del legno, in particolare quella fornita dalle segherie; la più importante, anche sotto l’aspetto tecnologico, è quella della Magnifica Comunità…