Nel presente sito si fa uso di cookie, anche di terze parti, che consentono di inviare servizi in linea con le tue preferenze e quindi raccogliere informazioni sull'uso del sito da parte dei visitatori. Se vuoi saperne di più o negare il consenso ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
CHIUDI
 

Itinerario 40 - Le antiche Rogazioni per Sant'Abbondio


Anche in Trentino, come nel resto d’Italia, il bisogno di protezione invocato dalle genti cristiane per far fronte alle spesso incomprensibili calamità naturali aveva spinto, fin dal Medioevo, a una convinta e puntuale pratica delle Rogazioni – da rogatio, supplica o richiesta – ovvero a processioni liturgiche che già a partire dal V secolo riprendevano riti e suppliche pagane agli dei (come a Flora e a Cerere, divinità della fecondità e delle messi). Si svolgevano dentro e fuori i villaggi andando a toccare le varie croci distribuite sul territorio, i capitelli e le edicole poste ai crocevia delle strade o presso i confini dei campi: tutti segni del sacro e, spesso, tangibili voti sciolti a seguito di epidemie o calamità naturali, così come avvenne per la cappella di Sant’Abbondio.