Nel presente sito si fa uso di cookie, anche di terze parti, che consentono di inviare servizi in linea con le tue preferenze e quindi raccogliere informazioni sull'uso del sito da parte dei visitatori. Se vuoi saperne di più o negare il consenso ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
CHIUDI
 

Itinerario 39 - Un sentiero tra malghe e ricordi di vetrerie


La porzione meridionale del Gruppo di Brenta è in parte occupata dalla Val d’Algone, solco vallivo che si sviluppa dalla forra di Ponte Pià al Passo del Gotro (1.847 m). La geologia della valle é particolarmente interessante, poiché rappresenta la linea di contatto tra le rocce granitiche dell’Adamello-Presanella e quelle calcaree del Brenta. I torrenti che nascono dai ghiacciai, trascinando detriti, hanno reso la valle un prezioso campionario di rocce. Le sue formazioni dolomitiche si alternano ad altre cristalline, in particolare graniti, e proprio nei pressi del Rifugio Ghedina (1.120 m) vedete i resti dell’alta ciminiera d’una vetreria costruita nel 1793, ma precedentemente ubicata all’imbocco del solco del Vallon (Valón), dove v’era anche la teleferica che serviva una cava di quarzo.