Nel presente sito si fa uso di cookie, anche di terze parti, che consentono di inviare servizi in linea con le tue preferenze e quindi raccogliere informazioni sull'uso del sito da parte dei visitatori. Se vuoi saperne di più o negare il consenso ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
CHIUDI
 

Itinerario 38 - Acqua, pietre e leggende del Monte Baldo


Un po’ defilata rispetto al paese, la romanica Pieve di Avio dedicata all’Immacolata si trova all’imbocco della Valle dei Molini, una storica via di comunicazione per il Monte Baldo. Malgrado le sue fondamenta siano poste su un tempio pagano, la chiesa trova una prima citazione nel 1145; il campanile, come testimoniano i capitelli della cella campanaria, risale ancora all’VIII secolo. Al suo interno, piuttosto buio, si respira un’intima spiritualità.

Lasciando alle spalle questo suggestivo tempio della fede, si percorre in automobile un tratto della stretta valle solcata dal Torrente Aviana. Il nome, chiaramente deducibile dalla fiorente attività che un tempo animava la sua economia, è tutt’oggi confermato dalla presenza di numerosi mulini, in gran parte ristrutturati come abitazioni.