Nel presente sito si fa uso di cookie, anche di terze parti, che consentono di inviare servizi in linea con le tue preferenze e quindi raccogliere informazioni sull'uso del sito da parte dei visitatori. Se vuoi saperne di più o negare il consenso ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
CHIUDI
 

Itinerario 5 - In bicicletta lungo la "Ora-Predazzo"


Nei primi decenni del Novecento il Trentino vantava una discreta rete ferroviaria: c’erano linee a scartamento normale sulle quali primeggiava quella del Brennero e della Valsugana, e a scartamento ridotto come la Trento-Malé, la Mori-Arco-Riva del Garda, la Dermulo-Fondo-Mendola e la Ora-Cavalese-Predazzo. Poco prima del Passo di San Lugano, sulla strada statale della Val di Fiemme, la piccola stazione di Pausa ricorda infatti la ferrovia a scartamento ridotto “Ora-Cavalese-Predazzo” che dal 1918 al 1963 collegava la cittadina di Ora – sulla trafficata asse del Brennero – a Predazzo, importante centro commerciale della Val di Fiemme. Venne costruita per motivi turistici (richiamare un flusso maggiore di visitatori rispetto al Nord Tirolo), economici (il mercato del legname) e bellici (rifornimenti più celeri di mezzi e viveri per i soldati sul fronte della Grande Guerra)…